Test dei rilevatori antincendio a basse temperature ambiente

Test dei rilevatori di fumo con bombolette di fumo

Nei mesi invernali più freddi e mentre indossate cuffia e guanti di lana per tenervi caldi, vale la pena tenere in considerazione che anche le bombolette di fumo per aerosol si possono raffreddare.

Basse temperature implicano che se le bombolette vengono lasciate senza protezione dal freddo, le basse temperature possono renderle meno efficienti. Le bombolette di fumo non producono particelle di fumo delle dimensioni adatte quando la temperatura è inferiore a 10 °C (50 °F). Questo si verifica spesso, ad esempio quando le bombolette vengono lasciate nel retro del furgone per tutta la notte o in un edificio non riscaldato. Quindi, prima di utilizzare la bomboletta per aerosol è bene lasciarla riscaldare per un certo tempo.

Untitled1

SUGGERIMENTO: Se lasciate la bomboletta di fumo nell’automobile o nel furgone per tutta la notte, fatela riscaldare per un certo tempo o provate a scaldarla tenendola in tasca per 30 minuti, in modo che possa tornare alla temperatura ambiente.

Attenzione: Le bombolette di aerosol pressurizzate non devono essere esposte alla luce solare diretta o a temperature superiori a 50 °C.

È bene sapere che la nostra gamma di tester Testifire, che si avvale di capsule di fumo anziché di bombolette aerosol, non presenta nessun problema nella produzione di fumo a basse temperature.

Test dei rilevatori di calore

Untitled2

Le basse temperature possono creare problemi anche quando si testano i rilevatori di calore.  I tester di calore alimentati a batteria come il Solo 460 e la gamma Testifire devono funzionare più intensamente per raggiungere la temperatura di attivazione del rilevatore.  Di solito questo non è un problema se la temperatura di attivazione è bassa, ma può essere complicato per i rilevatori di calore da 90 e 100 °C (194 e 212 °F).

Suggerimento: Ruotare i tester Solo 460 o Testifire attorno al rilevatore di fumo, può essere d’aiuto con alcuni design che utilizzano termistori doppi o decentrati.

Nota: Il Solo 460 ha un’erogazione di calore nominale di 90 °C, mentre il Testifire è in grado di raggiungere i 100 °C